Avete in mente d’aumentare le vostre prestazioni da videogiocatore online? Un buon mouse può iniziare a darvi una spinta in più in questa carriera. Ma quale mouse va scelto prima?

Come afferrate il Mouse? Questa è una domanda essenziale: se dovete effettuare delle sessioni di gaming intenso, è un bene sapere come possiamo stare comodi per un ora o due mentre afferriamo il mouse. Prima di comprare il nostro nuovo compagno di sparatorie o di strategie varie, provate a controllarne gli aspetti, se è troppo grande o piccolo.

Che input? Solitamente sono tutti d’accordo che un mouse USB ottico (non laser) è quello più adatto allo scopo, alcune rare eccezioni possono essere fatte per certi casi, come vedrete e breve.

Risultati immagini per mouse gaming

Il software è importante. Quando comprate un Mouse diretto per il Gaming, dovete sempre prendere in considerazione il fatto che questo viene con alcuni software per personalizzare vari tipi di comandi, a volte comodi in certe situazioni. Esplorate sempre la possibilità della personalizzazione via software.

Ci sono attualmente più tipi di mouse adatti per il Gaming, spesso però non sono stilati per queste classi. Ecco qualche spunto per capire cosa è adatto e cosa non è adatto:

  • Shooter Mouse (o Mice). Questi mouse sono designati per i tipici sparatutto, sono classici nelle funzioni (tre tasti con rotellina, al massimo un paio al fianco) e possono avere qualche accessorio in più per rendere il mouse meno sensibile agli spostamenti bruschi, adatto per chi riveste il ruolo da cecchino nei videogiochi. Due ottimi esempi sono il Razer DeathAdder e il Logitech G502.
  • MMO Mouse (o MOBA Mouse). Questi sono invece personalizzati per i giochi di strategia o di ruolo. Quello che hanno di speciale sono i numerosi pulsanti al fianco, che possono arrivare fino a 12. Sono piuttosto grossi, ma necessari se vogliamo personalizzare ogni funzione in qualcosa di speciale o se vogliamo avere un accesso immediato a qualche abilità o schermata. Due ottimi esempi sono il Razer Naga e il Corsair Scimitar.
  • Mouse Wireless. Come detto, sono rari, ma ci sono. Sono fatti apposta per lavorare in alta frequenza e diminuire quanti più difetti possono avere un mouse Wireless per il gaming. Ideale per partite al volo, sono leggeri e piccolini, perciò è un fattore da tenere a mente. Un ottimo esempio è il Razer Orochi.
  • Mouse Ibridi. Questi sono mouse che sono sia designati per accomodare gli sparatutto che anche i giochi di ruolo. Per questo motivo non spiccano in nessuno dei due campi, ma possono prestarsi più che decentemente per le mille situazioni che un videogiocatore deve affrontare. Il Logitech G602 è un ottimo esempio.
SHARE

SCRIVI UN COMMENTO