Con l’arrivo di iOS 11, sono cambiate parecchie cose e altre nuove funzioni sono arrivate. Ma non tutto è oro quel che luccica: ecco quelle piccole cose che troviamo fastidiose e che pensiamo che questo sistema operativo non fa affatto bene!

Il centro di controllo è esclusivo “Apple”. Questo in un certo senso era ovvio, iOS è molto più chiuso di Android e non permette la personalizzazione. Ma perché non lasciare alle App veramente importanti qualche pulsante in più? Purtroppo su questo gli utenti rimarranno sempre in un certo senso delusi.

Il centro di controllo è ancora molto meccanico. Non è possibile personalizzare velocemente le funzioni al suo interno, a differenza di – ancora – altri sistemi operativi. Bisogna per forza fare tutto il giro nelle impostazioni. Eppure basterebbe un pulsante anche minuscolo in un angolo.

Le connessioni ora sono decisamente più difficili da comprendere. Non si può disattivare il Wi-Fi o il Bluetooth nel centro, piuttosto ci si può solamente disconnettere. Per disattivare il tutto bisogna andare nelle impostazioni. Il pulsante “grigio” non significa che la comunicazione è disattivata, solo non connessa. Se è sbarrata però, è disattivata. Questa scelta è stata trovata più volte troppo confusa.

Addio lista dei desideri! Adesso se volete ricordarvi di qualcosa che volete comprare nell’App Store, tenetelo appuntato da qualche parte. Ma perché eliminare una funzione del genere? Non è più presente in iOS 11 o iTunes 12.7!

Lo Switch rapido fra le apps è stato eliminato. Forse ritornerà in futuro, ma ora non è più possibile passare da un App all’altra semplicemente usando il 3D Touch. La cosa è stata fatta appositamente per un incompatibilità con l’iPhone X.

Il controllo del volume ostruisce filmati e foto. Sembrava una cosa facile da risolvere, ma l’Apple non c’ha ancora pensato per iOS 11.

Niente chiamate di gruppo in FaceTime. Ma questa funzione è già presente in altri servizi da anni! Quanto tempo ci vorrà ancora prima che l’Apple offrirà a disposizione una funzione simile?

I nuovi formati proprietari. HEIF, HEIC. HEVC…tutto perfettamente Apple-compatibile. Ma se vogliamo passarlo in Windows, sulla nostra TV, sul videoproiettore? Dobbiamo convertire le immagini, perdendo qualità nel farlo. Chiaramente verranno rilasciati degli strumenti per leggere queste immagini più comodamente, ma per il momento l’Apple tiene stretta questa faccenda.

SHARE

SCRIVI UN COMMENTO